Palazzo alla Giornata

pisa rettorato 2017

Città: Pisa

Provincia: Pisa

Indirizzo: lungarno Antonio Pacinotti, 43

Giorni di apertura: 28, 29, 30 novembre

Orari di visita: 9.00-12.00

Info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Descrizione:

Il palazzo alla Giornata, sede del Rettorato dell’ Università degli Studi di Pisa, si affaccia al centro della stupenda curva dell’Arno nel cuore della città, a pochi passi dal ponte di Mezzo, dove converge l’asse Nord Sud. L’aspetto attuale  si deve all’architetto fiorentino Cosimo Pugliani che, su commissione di Francesco Lanfreducci, nel 1607, ristrutturò le sei antiche torri di proprietà della famiglia dal tardo Duecento, creando il palazzo con la caratteristica facciata di marmo.
Durante la II guerra mondiale il palazzo subì importanti distruzioni causate dai bombardamenti aerei. Alle rovine provocate dagli attacchi americani si aggiunsero quelle delle artiglierie e delle mine dei tedeschi che, ritirandosi, fecero saltare tutti i ponti danneggiando seriamente i lungarni. Il palazzo perse il tetto, i solai e parte delle scale.
Il secondo evento disastroso ebbe luogo nel 1966 con l’alluvione dell’Arno che provocò il cedimento di gran parte dei lungarni, specie del tratto prospiciente Palazzo alla Giornata. Tuttavia i restauri hanno permesso di salvare le decorazioni settecentesche della Sala Rossa e della stanza del Camino, commissionata da Giovan Battista Lanfranchi Lanfreducci. Nei bellissimi ambienti del palazzo si conservano anche alcuni pezzi di interesse scientifico, rari e preziosi: quattro mappamondi tardo settecenteschi e un barometro. Dal 1979 l’Ateneo acquistò l’edificio e ne fece la sede del Rettorato ove sono stati siglati importanti accordi e convenzioni alla presenza di eminenti personaggi del mondo della politica, della scienza, della cultura.

Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni:

Liceo Artistico Russoli e Liceo Internazionale Pesenti di Cascina


 

Sostieni il FAI e il suo impegno per l’educazione.