• Home
  • Mattinate FAI
  • L'evento
  • Puglia
  • Martina Franca (TA) - Chiesa di Sant'Antonio dei Cappuccini

Chiesa di Sant'Antonio dei Cappuccini

Martina franca 2017

Città: Martina Franca

Provincia: Taranto

Indirizzo: piazza S. Antonio, 1

Giorni di apertura: dal 27 novembre al 1 dicembre

Orari di visita: 8.30-12.30

Info e prenotazioni: tel. 329 1150048

Descrizione:

Immersa nel cuore della Valle d’Itria, a metà strada fra Martina e Locorotondo, l’attuale Chiesa di Sant’Antonio dei Cappuccini segna la storia di questo territorio. La Chiesa e Convento dei Cappuccini furono costruiti nel XVI secolo su un precedente insediamento dei monaci basiliani che officiavano secondo il rito bizantino. Questa comunità creò una grancia destinata alle attività agricole e una cripta ipogea con il dipinto della Madonna dell’Odegitria, dal greco, colei che conduce, che guida o che indica la strada. Nel XVI secolo giunsero i Frati Cappuccini, di ispirazione francescana, che decisero di costruire la chiesa e il convento sul sito preesistente dei monaci basiliani e traslarono l’immagine della Madonna dell’Odegitria dalla cripta ipogea all’interno della nascente chiesa. I lavori di costruzione dell’attuale chiesa, in realtà dedicata all’Assunta, si conclusero nel 1590, come segna la data incisa sulla trabeazione del portale. La chiesa ha pianta longitudinale con l’apertura di tre cappelle molto profonde sul lato sinistro, mentre sull’altro lato vi è una sola cappella, altrettanto profonda, quella della Madonna dei Sette Dolori, costruita nel 1756, come riporta palesemente l’incisione sulla chiave di volta. La caratteristica pregevole della Chiesa dei Cappuccini è la raffinata arte ebanista che decora ogni altare. Si tratta di opere artigianali di elevato spessore artistico realizzate fra il Seicento e il Settecento. Sull’altare maggiore si trova la tela raffigurante l’Assunta, inserita al centro di un trittico dipinto da Donato Antonio De Orlando di Nardò nel 1589, prima opera pittorica barocca presente a Martina Franca. Il pavimento di questa cappella conserva ancora l’antico rivestimento fatto con maioliche policrome realizzate da Vincenzo del Monaco di Grottaglie nel Settecento.

Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni:

I.I.S.S. Leonardo da Vinci di Martina Franca

 

Sostieni il FAI e il suo impegno per l’educazione.