Centro storico e Palazzo della cultura

Apricena 2017

Città: Apricena

Provincia: Foggia

Indirizzo: Piazza Federico II - Palazzo della Cultura

Giorni di apertura: dal 27 novembre al 2 dicembre

Orari di visita: 8.00-13.00

Info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Descrizione:

La storia millenaria di Apricena è strettamente collegata a quella del Regno Normanno-Svevo. Dagli innumerevoli ritrovamenti archeologici, che costituiscono oggi il Museo Civico-Mediateca Federiciana, si fa risalire la sua origine all’età del bronzo. Il primo nucleo insediativo si sviluppò nei secoli successivi, divenendo, nell’XI secolo, un casale appartenente all’Abbazia benedettina di San Giovanni in Piano (in territorio di Apricena). Divenne, dunque, un importante centro giuridico ed amministrativo del regno Normanno-svevo; nel 1156, nel “Castello Precina”, venne definita una controversia tra l’abbazia di San Giovanni in Piano e l’Abbazia di Santa Maria delle Tremiti. Tuttavia, è nel XIII secolo che Apricena visse il momento di maggior splendore, divenendo la “Domus Solaciorum”, ossia la residenza di caccia imperiale prediletta dal Puer Apuliae, l’imperatore Federico II.

La struttura della Domus Federiciana, oggi Palazzo Baronale, ha pianta quadrangolare e muratura a scarpa, coronata da una modanatura a toro al di sopra del quale si sviluppa un piano superiore; all’angolo Nord-Ovest si colloca un grosso torrione rotondo. L’interno attualmente è in gran parte costituito da un vasto cortile, al centro del quale vi è collocata un’ampia cisterna. Gli ambienti del fianco orientale avevano un ingresso verso la piazza; il fianco occidentale è occupato dal giardino, comunicante con il cortile al quale si accedeva dal cosiddetto “portone del palazzo”, con arco a tutto sesto.

Al XII secolo, epoca a cui risale il primo borgo, si attribuisce la costruzione della Chiesa Matrice, dedicata a S. Martino Vescovo di Tour e la Chiesa parrocchiale intitolata inizialmente come Arcipretura di S. Lucia: il terribile terremoto del 1627 rase al suolo le due chiese. La nuova chiesa, della quale si era salvato il campanile nella sua interezza, fu edificata nel 1628 con il contributo degli apricenesi sui ruderi della parrocchia di S. Lucia e al primitivo titolo fu unito quello di S. Martino.

La Torre Normanno-Sveva - cosiddetta Torre dell’orologio (sec. XII - XIII) presenta una struttura architettonica quadrangolare tipica di una torre con feritoia e risale alla fase insediativa Normanno-sveva, quando rientrava nell’impianto castellare del “castellum Precine”. Nel basso Medioevo fu trasformata in una torre campanaria, come è ricordato nell’epigrafe originale medievale ancora inglobata nella torre.

Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni:

IISS "Federico II"

 

Sostieni il FAI e il suo impegno per l’educazione.