Palazzo Sersanti

PalazzoSersanti WEB

Città: Imola

Provincia: Bologna

Indirizzo: Piazza Matteotti, 8

Giorni di apertura: 28 novembre

Orari di visita: 9.00-13.30

Info e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Descrizione:

Il Palazzo Sersanti (Palatium Domini) Palazzo della Signoria, o Palazzo Riario (dal nome della famiglia) è una delle architetture più importanti della città di Imola, della quale ha modidcato anche l’impronta urbanistica, dando un’impronta rinascimentale e brunelleschiana alla piazza. Prima della sua costruzione, infatti, Imola si presentava in modo ben diverso da ora, soprattutto nell’asse lungo la via Emilia. Il Palatium Domini fu realizzato tra il 1480 e il 1484, collocando la piazza di Imola tra le prime, anche rispetto piazza San Marco a Venezia e piazza di San Petronio a Bologna.
L’autore dell’edifcio, che viene più volte chiamato “artista” da Vittorio Fiorentini, a cui si deve un bel volume sul palazzo, si occupò del progetto architettonico e dell’esterno del palazzo ma dimostrò anche di essere abile nel dipingere degli ambienti architettonici, come erano soliti fare gli artisti
dell’epoca alle dipendenze della corte papale. L’architettura è ricca di decorazioni e di prospettive architettoniche verso la piazza e le vie laterali; negli interni sembra invece abbia lavorato mastro Giorgio Fiorentino, alle dipendenze della famiglia. Il palazzo si affaccia sulla piazza come una quinta teatrale, scenografa innovativa e rinascimentale. Lo schema della facciata è quello di Brunelleschi (Spedale degli Innocenti): alto portico, volte che poggiano su colonne di arenaria, trabeazione rettilinea. Probabilmente le pareti erano decorate con elementi pittorici e nell’insieme risulta il palazzo più importante della città, sia da un punto di vista architettonico che urbanistico.

Visite guidate a cura degli Apprendisti Ciceroni:

Liceo Scientifico Scienze Apllicate F. Alberghetti, Liceo Rambaldi Valeriani A. Da Imola, Istituto Agrario Scarabelli di Imola.


 

Sostieni il FAI e il suo impegno per l’educazione.